Acquario di Genova, rettili e anfibi trovano casa

acquario-di-genova-mappa

L’Acquario di Genova apre due nuovi spazi, uno per i rettili e uno per gli anfibi, per accogliere nuove specie animali minacciate e approfondirne la conoscenza.

Questa iniziativa, rientra in un più generale percorso di rinnovamento, avviato con la festa del 25° compleanno dell’Acquario.
Gli anfibi e i rettili, alcuni dei quali recuperati dal Corpo Forestale dello Stato, sono, tra gli altri: un boa, trovato nel Porto de La Spezia, e due pitoni albini, trovati sulle rive del fiume Bisagno, a Genova.
Acquario-Genova-rane-bluAssieme a questi, sarà possibile vedere una testuggine aracnoide, una testuggine radiata, una africana e la testuggine palustre ligure.
Sono visibili inoltre, rane estremamente velenose come le Dendrobates Tinctorius (immagine) e le Dendrobates Leucomelas.
Fra i nuovi graditi ospiti c’è anche un nuovo esemplare di camaleonte.
Infine, va ricordato che questo rinnovamento ha coinvolto anche la Biosfera, nella quale è visibile ora una nuova collezione di orchidee.

Da non perdere, sono gli appuntamenti previsti nei fine settimana, per “ascoltare le storie speciali di alcuni esemplari di rettili e anfibi”.

Sul sito ufficiale dell’Acquario di Genova è possibile scegliere, fra i 4 itinerari proposti, quello che ci interessa maggiormente.

Si va dal completo “ACQUARIO VILLAGE” al “SOLO ACQUARIO“, ovviamente a prezzi differenti.

Visti gli itinerari e fatta la scelta, si possono acquistare online i biglietti, sia singoli che per gruppi organizzati ecc…

Pier Giorgio

Appassionato di viaggi, amo le partenze. L'arrivo non è mai un punto fermo, ma l'ennesimo dal quale ripartire. Col tempo, ho imparato che le esigenze cambiano e che non basta andare, ma serve saper scegliere. Con Italturismo, provo a raccogliere idee, indicazioni, spunti e suggerimenti da condividere con voi, attraverso i vostri commenti e i vostri suggerimenti.

Share

Scrivi un tuo commento, suggerimento, critica costruttiva o richiesta che possano essere utili per i lettori di Italturismo